La leggenda di Carlo Magno in Valle Camonica

Nel 774 d.C. Carlo Magno dona la valle Camonica ai monaci di Tours: è da questo atto che probabilmente nasce la leggenda del passaggio dell’imperatore franco in cui Carlo Magno, scortato dai suoi paladini, risale da Bergamo fino al Tonale combattendo contro longobardi e pagani e, per celebrare le vittorie sue e della fede cattolica fa erigere una serie di chiese tra Lovere e Ponte di Legno. I siti sono tutt’ora visitabili, anche se quasi tutti più recenti rispetto alla loro supposta fondazione, e offrono un’interessante spaccato sull’arte sacra in Valle. Esiste anche un sito dedicato alla scoperta del percorso carolingio.

Per chi fosse interessato a letture sulla leggenda carolingia, la fonte principale è l’opera del 1698 di un autore di Cané (Vione), Padre Gregorio, “Curiosi trattenimenti continenti raguagli sacri, e profani de' popoli camuni”, disponibile in una ristampa presso le biblioteche locali; altro libro utile, anch’esso disponibile presso la rete bibliotecaria è “La leggenda di Carlo Magno nel cuore delle Alpi. Ricerca storica e turismo culturale”, una raccolta di studi del convegno tenutosi presso Breno nel 2011.